Aldo Brunello. 1910-1988 a cura di Enrico Brunello e Federico Burbello

Aldo Brunello. 1910-1988

a cura di Enrico Brunello e Federico Burbello

Fto 22x22

76 pp., ill., brossura. 2017

ISBN 9788898181278

Prezzo di copertina Euro 12,00

Aldo Brunello ha compreso sin da giovane che nella luce e nel colore si possono trovare l’amore e la serenità dell’anima. Bisogna saper cercare e cogliere quel linguaggio silenzioso che a volte esprime la tavolozza dei colori, scrigno segreto di emozioni e di passioni. In Brunello il colore, steso sempre in modo armonico, definisce nelle sue forme un paesaggio, un viale, un tramonto, la campagna veneta ricca ed assolata. Lo sguardo scivola senza forzature. Nelle sue opere non c’è spazio per un complesso impianto scenografico, ma si colgono calde ed avvolgenti tonalità dove un tramonto, o il volto pensoso e triste di un viandante, diventano gli unici protagonisti di un mondo dove tutto sembra affievolirsi in un cercato e desiderato oblio. Gli insegnamenti di Moro, di Apollonio e di Ciardi, sono stati sicuramente per lui fonte di apprendimento, ma l’istinto pittorico di questo artista è manifesto, frutto di una innata sensibilità vera ed autentica. Le colline silenziose, lo scorrere lento del Sile, i tramonti accesi dai colori dell’arancio e del rosso, la laguna con i suoi pescatori, raccontano una storia che viene da lontano e tutto si manifesta in una pittura semplice, istintiva.